PHOENIX:COMUNICAZIONE E CULTURA

portale per lo scambio culturale
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
Ultimi argomenti
Ottobre 2019
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   
CalendarioCalendario
Bookmarking sociale
Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      

Conserva e condividi l'indirizzo di Phoenix - Comunicazione e Cultura sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di PHOENIX:COMUNICAZIONE E CULTURA sul tuo sito sociale bookmarking
Fan Box
Phoenixon Facebook
Che ora è
Notizie TGCOM
Notizie dai giornali
Giochi
Play
Pagine Bianche
Burger Time

Condividi
 

 Vivisezionare i randagi? Ecco cosa dice veramente l’Unione Europea

Andare in basso 
AutoreMessaggio
stkinvincibile
Spettacolare
Spettacolare
stkinvincibile

Femmina Pesci Numero di messaggi : 3410
Punti : 6041
Compleanno : 11.03.94
Data d'iscrizione : 12.04.09
Età : 25
Umore Umore : Solare

Vivisezionare i randagi? Ecco cosa dice veramente l’Unione Europea Empty
MessaggioTitolo: Vivisezionare i randagi? Ecco cosa dice veramente l’Unione Europea   Vivisezionare i randagi? Ecco cosa dice veramente l’Unione Europea Icon_minitimeVen Set 24, 2010 8:07 pm

La realtà è che il testo è molto semplice. Recuperando l’articolato della direttiva, ci rechiamo all’articolo 11, rubricato, appunto, “Animali randagi di specie domestiche”, che si apre con una norma che più chiara di così è difficile scriverla: “Gli animali randagi non devono essere usati nelle procedure scientifiche”. Ecco, una dichiarazione di principio: per favore, i randagi lasciateli perdere. Ma all’articolo 2, quello che è uscito dalla porta, rientra dalla finestra: “Le autorità competenti possono concedere eccezioni dal paragrafo 1 solo in osservanza delle seguenti condizioni: a) presenza di una necessità essenziale di studi riguardanti la salute e il benessere degli animali o seri pericoli per l’ambiente e per la salute umana o degli animali, oppure; 2) c’è una giustificazione scientifica che dimostri come l’effetto che la procedura tenta di ottenere si potrà raggiungere solo applicandola sugli animali randagi”.

ABBIAMO UNA RISPOSTA – Quindi, tornando alla nostra domanda di partenza, l’Unione Europea sta o non sta permettendo la vivisezione sui randagi? Logicamente, dato il quadro normativo, la risposta è: si. La dichiarazione di principio, infatti, sconsiglia una tale misura. Ma poi, dietro autorizzazione delle “autorità competenti” e per motivi strettamente indicati, tale misura diventa permessa. Certo, sono paletti stringenti: ma d’altronde, cosa ci aspettavamo, che l’Unione Europea mettesse per iscritto “adesso catturateli tutti e liberamente”? No: i randagi in sperimentazioni scientifiche si potranno usare solo dietro autorizzazione della forza pubblica e per motivi stabiliti. La situazione ricorda un po’, mutatis mutandis – qui qualcuno sorriderà – le garanzie dell’habeas corpus, quel caposaldo della civiltà giuridica, che stabilisce una persona potrà essere trattenuta in stato d’arresto dietro autorizzazione del giudice e solo nei casi permessi dalla legge: e nessuno si sognerebbe di dire che l’arresto, nel nostro ordinamento, è vietato, solo perchè è sottoposto a pesanti garanzie. Si dice che è regolamentato.
http://www.giornalettismo.com/archives/82223/



REGOLE E DIVIETI – E così la direttiva, che permette, ma regolamenta – pesantemente, certo – l’uso scientifico degli animali randagi. E bisogna però sottolineare la scelta di politica normativa, che è chiarissima: l’UE avrebbe potuto scrivere “è vietatissimo usare i randagi per gli esperimenti scientifici”. Non l’ha fatto: nella versione inglese il verbo è “should not”, che letteralmente sta per “non dovrebbero”. Certo, ’should’ è di comune utilizzo nel diritto anglosassone, ma il vocabolario non mente. Perciò, essendo la direttiva una fonte normativa che lascia agli stati membri libertà d’azione all’interno di paletti imposti dall’Unione, e per raggiungere i fini da essa imposti. E comanda agli stati di dargli piena applicazione appena possibile: saranno perciò l’Italia, la Francia, la Germania, la Danimarca e tutti gli altri componenti dell’Unione a decidere quali siano le autorità competenti all’autorizzazione, quali paletti ulteriori precisino la generale necessità di “incolumità umana o animale”, e come riconoscere la procedura che sarebbe inservibile se non utilizzata sui randagi. Come al solito, gli animalisti d’Italia stiano attenti al legislatore italiano: sarà quello il luogo dove si produrrà una legge talmente restrittiva da neutralizzare, di fatto, la scelta dell’Ue, o per rendere quelle condizioni ancora più labili.

_________________
Credi in te stesso,sii sempre leale,abbi sempre onore(stkinvincibile)Vivisezionare i randagi? Ecco cosa dice veramente l’Unione Europea 213jh8lVivisezionare i randagi? Ecco cosa dice veramente l’Unione Europea 1604ylxAdorabile e Dispettosa.
Torna in alto Andare in basso
 
Vivisezionare i randagi? Ecco cosa dice veramente l’Unione Europea
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
PHOENIX:COMUNICAZIONE E CULTURA :: I nostri amici animali-
Vai verso: