PHOENIX:COMUNICAZIONE E CULTURA

portale per lo scambio culturale
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
Ultimi argomenti
Settembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
CalendarioCalendario
Bookmarking sociale
Bookmarking sociale digg  Bookmarking sociale delicious  Bookmarking sociale reddit  Bookmarking sociale stumbleupon  Bookmarking sociale slashdot  Bookmarking sociale yahoo  Bookmarking sociale google  Bookmarking sociale blogmarks  Bookmarking sociale live      

Conserva e condividi l'indirizzo di Phoenix - Comunicazione e Cultura sul tuo sito sociale bookmarking

Conserva e condividi l'indirizzo di PHOENIX:COMUNICAZIONE E CULTURA sul tuo sito sociale bookmarking
Fan Box
Phoenixon Facebook
Che ora è
Notizie TGCOM
Notizie dai giornali
Giochi
Play
Pagine Bianche
Burger Time

Condividi | 
 

  "Indigente espulso non è punibile" Consulta "integra" parte ddl sicurezza

Andare in basso 
AutoreMessaggio
stkinvincibile
Spettacolare
Spettacolare
avatar

Femmina Pesci Numero di messaggi : 3410
Punti : 6041
Compleanno : 11.03.94
Data d'iscrizione : 12.04.09
Età : 24
Umore Umore : Solare

MessaggioTitolo: "Indigente espulso non è punibile" Consulta "integra" parte ddl sicurezza   Ven Dic 17, 2010 7:21 pm

Lo straniero che in "estremo stato di indigenza" non ha reiteratamente ottemperato all'ordine di allontanamento del questore continuando a rimanere illegalmente in Italia, non è punibile. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale, evidenziando la mancata previsione di un ''giustificato motivo'' nelle norme del "pacchetto sicurezza" del 2009 relative al reato di clandestinità.


A sollevare la questione alla Consulta è stato il Tribunale di Voghera, chiamato a giudicare sul caso di una clandestina più volte raggiunta da un decreto di espulsione ma che, per motivi di estrema indigenza, non aveva potuto lasciare l'Italia con i propri mezzi.

Si tratterebbe, dunque, di un "giustificato motivo" che però non è stato previsto dal testo unico sull'immigrazione, così come modificato dall'ultimo "pacchetto sicurezza" del governo Berlusconi (legge 94 del luglio 2009).

Ebbene, dopo aver rilevato che il "pacchetto sicurezza" ha aumentato nel massimo (da quattro a cinque anni) le pene per lo straniero destinatario di un decreto di espulsione adottato dopo l'inottemperanza ad un precedente ordine di allontanamento, la Corte Costituzionale censura la mancata previsione di un "giustificato motivo".

Si tratta infatti - scrivono i giudici costituzionali - di una clausola che, come la Corte ha già rilevato, è tra quelle "destinate in linea di massima a fungere da 'valvola di sicurezza' del meccanismo repressivo, evitando che la sanzione penale scatti allorchè, anche al di fuori della presenza di vere e proprie cause di giustificazione, l'osservanza del precetto appaia concretamente 'inesigibile' in ragione, a seconda dei casi, di situazioni ostative al carattere soggettivo od oggettivo".

Nel caso, ad esempio, di "estrema indigenza, indisponibilità di un vettore o di altro mezzo di trasporto idoneo, difficoltà nell'ottenimento dei titoli di viaggio, etc", la clausola di "giustificato motivo" esclude - sottolinea la Corte - la "configurabilità del reato".
http://www.tgcom.mediaset.it/politic...lo498505.shtml

_________________
Credi in te stesso,sii sempre leale,abbi sempre onore(stkinvincibile)Adorabile e Dispettosa.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
"Indigente espulso non è punibile" Consulta "integra" parte ddl sicurezza
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» "Dall'altra parte": il nuovo libro di Moreno Burattini
» Sicurezza prima di tutto....
» Agende personalizzate: Parte seconda
» 1^ PARTE VIDEO FOTOGRAFICO MOSTRA FIESOLE "ISOLE DEL PENSIERO"
» Sapete di che serie fa parte questo pirata ?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
PHOENIX:COMUNICAZIONE E CULTURA :: Politik :: Politik-
Vai verso: